forex trading logo

Gli Sposi Pellegrini

Visitatori totali

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday16
mod_vvisit_counterYesterday15
mod_vvisit_counterThis week121
mod_vvisit_counterThis month838

We have: 1 guests online
Today: Set 29, 2016

Login



Il Cammino degli Sposi

 

La storia degli sposi che hanno celebrato il loro matrimonio in Spagna al termine del pellegrinaggio nella città dove riposa l’apostolo Giacomo.

Per vivere quel giorno in piena intimità spirituale, umiltà, semplicità

                                               

 Senti il vento che fischia tra le fronde degli alberi ...
senti il freddo che punge
sulla pelle del viso ...
senti le gocce che si posano sul capo ...
fermati, ascolta il silenzio
(... è il cammino che ti parla)

Il giorno del matrimonio oggi si accompagna per i novelli sposi a preoccupazioni quali il ricevimento, gli invitati, la lista dei regali, l’abito e le bomboniere ecc. che sempre più fanno assumere a questo giorno una dimensione mondana capace di mortificarne la portata religiosa ed emotiva. Abbiamo perso il vero significato del matrimonio, del Natale, della Pasqua e confondiamo la loro essenza con quella materiale e commerciale dettata dalla nostra società.

 

Sono tante le persone che manifestano un autentico sentimento di disagio verso un simile modo di intendere il momento del matrimonio e che desiderano che questo momento si svolga nella maniera più sobria possibile. Tuttavia, difficilmente costoro riescono a compiere una scelta diversa rispetto a quella che la società, gli amici e la famiglia si aspettano e quindi finiscono per accettare che l’evento dello sposalizio diventi qualcosa di differente rispetto a quello che è il loro sentire.

 

Il celebrare le nozze al termine del cammino di Santiago è certamente una rottura rispetto a questo stato di fatto. Tuttavia, sarebbe assai riduttivo ricondurre siffatta scelta solo ad una mera insofferenza verso la prosaicità che circonda il giorno delle nozze. Dietro la decisione di sposarsi a Santiago c’è innanzitutto la volontà degli sposi di tenere la consacrazione del loro rapporto affettivo isolato dal resto del mondo in modo da assaporare in maniera esclusiva i sentimenti connessi alla consacrazione del legame che hanno instaurato, una maniera di vedere le cose semplice, Francescana, ove conta il solo significato degli eventi e non la loro esteriorità. Sposarsi senza invitati e senza festeggiamenti particolari non equivale a sminuire la celebrazione del matrimonio, anzi ribadisce ulteriormente il preminente valore spirituale di questo sacramento, un valore che si sostanzia nell’amore e nel rispetto reciproco e nella fede in Dio e che quindi non ha bisogno di accompagnarsi ad altro.

 

Nel compiere il pellegrinaggio, gli sposi pellegrini dimostrano di essere consapevoli circa quella che è anche la vita di coppia: al pari del cammino verso Santiago, pure questa, nel corso degli anni, potrà presentare insidie e difficoltà ma col sostegno reciproco tali insidie e difficoltà potranno essere affrontate meglio. Queste persone hanno un sogno per realizzare il quale devono impegnarsi con coraggio e tenacia. Riuscire a coronarlo rappresenta così il miglior viatico per iniziare insieme un nuovo capitolo della loro esistenza perché l’“avercela fatta” induce in loro una fiducia ed una forza con le quali si sentono di far fronte alle eventuali prove che il futuro vorrà riservargli.

Non è necessario per forza recarsi in Spagna, analoga esperienza è stata portata a termine da Roberto e Michela, che si sono sposati ad Assisi,al termine del loro Cammino di Francesco, attesi e guidati da Angela Serracchioli, anima e corpo di questo splendido Cammino.

 Per tutti i pellegrini la città della Galizia Spagnola è la meta, per tutti gli sposi pellegrini invece rappresenta l’inizio di un cammino di vita e di speranza. Partendo da quest’ultima considerazione si può allora concludere che forse il senso ultimo della scelta di chi si sposa a Santiago è il seguente: iniziare un altro e più impegnativo cammino – quello della vita matrimoniale – sotto una giusta dimensione semplice, essenziale umana che permetta di saper cogliere le cose davvero importanti per cui vale la pena di impegnarsi nel corso della propria esistenza.

Questo modo semplice ma stravagante di convolare a nozze nasconde molti messaggi in seno tutti positivi, ma è un urlo di aiuto rivolto alla chiesa per aprire le sue porte .....a  dei peccatori (chi non lo è) che cercano Dio in tutte le sue forme...come ad esempio i divorziati.....relegati fuori dalle strutture ecclesiastiche....molto spesso se partecipiamo a una messa , ci rendiamo conto che ci sono tante persone anziane e pochi giovani, in America tante chiese stanno chiudendo per la mancanza di fondi e credenti...non abbiate paura.....aprite , anzi spalancate le vostre porte.....la frase di Giovanni Paolo II cade a pennello!

Volevano toglierci il crocefisso dai muri di scuole, degli ospedali, dei locali pubblici,.. a molti sacerdoti non è più consentito dai direttori delle aziende ASL  di portare una parola di conforto agli ammalati....e allora il nostro messaggio di pace , il nostro Cammino, il nostro Matrimonio, diventano URLA .....per mantenere la nostra identità, la nostra religione, la nostra storia...Urla  di AMORE, PASSIONE, di APPARTENENZA all'essere CRISTIANI.... ...............................

 

Siamo a disposizione di tutti coloro che volessero informazioni sul cammino matrimonio, sull'iter da seguire per sposarsi in Spagna, sulle persone da contattare in Italia ed in Spagna, al fine di consentire una valida registrazione del matrimonio.
 
Per qualisasi informazione potete scrivere a  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   
 


Powered by Joomla!. Designed by: free joomla templates VPS hosting Valid XHTML and CSS.